Mar 5, 2001 - sport    No Comments

Giacomo Leone: maratona da record

Giacomo Leone, l’atleta di Francavilla Fontana (BR), ha realizzato durante la maratona di Lake Biwa ad Otsu (Giappone) la miglior prestazione italiana all-time sulla distanza con il tempo di 2h 07′ 52″.
Dopo la grande impresa del 1996, quando conquistò le prime pagine dei giornali grazie alla fantastica vittoria nella celebre maratona di New York, ancora una volta l’agente di P.S. brindisino ha saputo stupire gli appassionati con un’impresa inaspettata. È stato lui, infatti, il primo a rimanere sorpreso da questo risultato per nulla programmato alla vigilia.

Leone (il cui personale era di 2h 08′ 40″) era partito per ottenere un tempo intorno alle 2h e 10′, ma l’andatura subito veloce della gara l’ha costretto ad alzare immediatamente il ritmo per non rimanere attardato dai primi; come succede quasi sempre nelle maratone, tutto si è deciso negli ultimi 10-12 km allorquando i favoriti hanno cominciato la selezione del gruppo che fino ad allora aveva allegramente percorso il tracciato a quella “folle” velocità; pur non avendo nelle gambe un allenamento specifico per sostenere ritmi del genere, Giacomo non ha mollato, aiutato anche dal percorso, piatto e scorrevole, e dal clima, ben soleggiato dopo una notte di pioggia.

Lo spagnolo Peña ha salutato la compagnia al 37° kilometro ed ha concluso in testa con il tempo di 2h 07′ 34″ mentre Leone se l’è dovuta vedere con due atleti di casa, Aburaya e Morishita, con i quali ha fatto insieme l’ingresso nello stadio: dando uno sguardo al cronometro posto sul grande tabellone elettronico, ha capito che avrebbe dovuto percorrere gli ultimi 600 metri in meno di due minuti per cancellare dall’albo d’oro dei record italiani il 2h 07′ 57″ fatto segnare da Stefano Baldini a Londra nel 1997. E così è stato: la gran volata, non certo il suo pezzo forte tra l’altro, gli ha permesso inoltre di conquistare il 2° posto.
All’arrivo Leone ha spiegato che, durante la gara, quando veniva informato sui passaggi non riusciva quasi a credere ai tempi parziali che stava realizzando ma che sorprendentemente non provava molta fatica ed è convinto, anzi, che se avesse effettuato una preparazione mirata, avrebbe abbassato il limite italiano di un altro minuto.

Questo grande risultato ripaga l’atleta delle Fiamme Oro del dolce-amaro 5° posto delle Olimpiadi di Sydney, dove la soddisfazione di un piazzamento di assoluto rilievo fu sopraffatta dalla delusione per non aver centrato il podio che l’atleta brindisino credeva, invece, di avere alla sua portata.
Comunque il buon momento per il bravo Giacomo continua: Sidney, il record, ed anche la notizia che la moglie Tiziana gli regalerà ad ottobre il primo figlio. Bisognerebbe festeggiare: magari con una medaglia ai campionati del mondo di Edmonton.

Raffaele Dambra
Articolo scritto per Itinera Puglia il 5 marzo 2001

Giacomo Leone: maratona da recordultima modifica: 2001-03-05T19:50:00+00:00da raffaeledambra
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento