Ago 24, 2001 - Calcio, sport    No Comments

Lecce 2001-02: al via la stagione calcistica della squadra di Cavasin

Unica rappresentante in serie A non solo della Puglia ma dell’intero meridione, il Lecce si presenta ai nastri di partenza del massimo campionato di serie A 2001-02 con l’obiettivo di conquistare una salvezza tranquilla, possibilmente cercando di soffrire meno rispetto la scorsa stagione, quando solo la vittoria all’ultima giornata contro una Lazio già in vacanza gli ha permesso di restare fra le grandi.

Quest’anno l’impresa si presenta alquanto difficile poichè anche le cosiddette piccole che frequentano la nostra massima serie hanno intrapreso una politica di rafforzamento molto importante e tutte o quasi si presentano ai nastri di partenza molto agguerrite: basti pensare al Brescia di Baggio, Toni e Giunti, al Torino, ormai tranquillo grazie ad un assetto societario finalmente stabile, al Piacenza, che ha aggiunto l’ottimo Hubner all’organico che ha dominato la serie B, e all’Udinese e al Verona, finite rispettivamente nelle sapienti ed esperti mani di Hodgson e Malesani.

Anche l’Atalanta e il Perugia hanno tutte le carte in regola per ripetere l’ottimo campionato disputato lo scorso anno, mentre solo Chievo e Venezia sembrano un pò più indietro rispetto alle altre, ma stiamo comunque parlando di due compagini che provengono da un torneo cadetto disuptato da protagoniste. A queste squadre, purtroppo per i suoi caldi ed appassionati tifosi, potrebbe aggiungersi la Fiorentina di Mancini, già indebolita dalle partenze di Toldo e Rui Costa e che probabilmente vedrà assottigliarsi ancor di più l’organico per gli ormai noti e gravissimi problemi di bilancio.

La dirigenza leccese, però, non è rimasta a guardare ed ha provato ad allestire dietro le indicazioni del tecnico, il neo ragioniere Alberto Cavasin, una rosa apparentemente competitiva. Le indicazioni che sono derivate dalle amichevoli pre-campionato sono state molto positive: la squadra ha destato un’ottima impressione ed i nuovi acquisti, italiani e stranieri, hanno mostrato numeri interessantissimi. Fra le “perle” dell’estate calcistica dei salentini, la batosta (4-0) inflitta al Venezia ed i pareggi imposti al Bologna e in casa dell’Atalanta con i padroni di casa capaci di rimontare solo a tempo scaduto.

Andiamo ora a scoprire chi sono i volti nuovi del Lecce 2001-02, ricordando prima le partenze di calciatori importanti quali Lucarelli (Torino) e Viali (Venezia), che nel Salento avevano probabilmente fatto il loro tempo (soprattutto il primo).

In difesa la squadra si è molto rinforzata con gli arrivi dei bravi Cirillo dall’Inter e Stovini dalla Reggina, e soprattutto del mitico Gica Popescu dal Galatasaray che garantirà classe ed esperienza a non finire. D’altronde basta leggere le cifre della carriera del 34enne rumeno, soprannominato “il pastore” per la capacità di guidare i propri compagni: 102 presenze e 15 gol in nazionale, 3 mondiali disputati, colonna portante di Steaua, PSV Eindhoven, Barcelona (del quale è stato pure capitano) e, appunto, Galatasaray. Ironia della sorte, Popescu era stato praticamente già acquistato dal Lecce nel ‘90 ma all’ultimo momento aveva preferito il PSV. Adesso arriva in Puglia dopo 11 anni. Scusate il ritardo.

A centrocampo ci sembrano molto buoni i nuovi stranieri: il nazionale uruguagio Guillermo Giacomazzi (detto “el pera”), prelevato dal Peñarol, un uomo d’ordine di 24 anni di cui si dice un gran bene, ed il bulgaro Krassimir Chomakov, uno dei pochi a salvarsi dalla disastrosa stagione del Ravenna.

In attacco le novità più ghiotte: il nuovo centravanti sarà l’altro uruguaiano Javier Chevanton, anche lui nazionale, 21enne proveniente dal Danubio; a differenza del possente Lucarelli, Chevanton è piccolo e scattante, ottimo quindi per attuare la tattica del contropiede. Molto bene si parla anche dell’altro acquisto esotico, lo sloveno Sebastjan Cimirotic, autore di una valanga di gol lo scorso anno con la maglia dell’Olimpia Lubiana e ora da verificare alle prese con le arcigne difese italiane. Inoltre si attende l’esplosione del giovanissimo Mirko Vucinic, un vero talento.

A parte questi interessantissimi arrivi, è fuor di ogni dubbio che la conferma dell’ossatura della scorsa stagione, Chimenti-Juarez-Savino-Balleri-Piangerelli-Conticchio-Vugrinec è la garanzia migliore affinché si possa raggiungere senza grossi affanni l’obiettivo iniziale, per non parlare della permanenza sulla panchina giallorossa dell’ottimo Cavasin, per il quale pronostichiamo in tempi brevissimi l’ingaggio da parte di un club importante. E se i nuovi arrivi confermeranno l’eccellente impressione destata in queste prime settimane, allora i salentini avranno tutte le possibilità di diventare la squadra-sorpresa della serie A.


Raffaele Dambra
Articolo scritto per Itinera Puglia il 24 agosto 2001

Lecce 2001-02: al via la stagione calcistica della squadra di Cavasinultima modifica: 2001-08-24T17:03:29+00:00da raffaeledambra
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento